La bicicletta è il perfetto traduttore per accordare l'energia metabolica dell'uomo all'impedenza della locomozione. Munito di questo strumento, l'uomo supera in efficienza non solo qualunque macchina, ma anche tutti gli altri animali (Ivan Ilich).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

24/10/2017

INQUINAMENTO URBANO: lettera al SINDACO DI ALESSANDRIA

Egregio Sindaco, come associazione di cittadini impegnati sui temi della mobilità urbana, della cura della salute e dell’ambiente, fortemente preoccupati per la grave emergenza sanitaria in cui, ancora una volta, la nostra città insieme a molte altre della Pianura Padana si trova a causa dell’inquinamento atmosferico, le inviamo - e per conoscenza ai componenti il consiglio comunale - la lettera che la Presidente della nostra Federazione Nazionale, Giulietta Pagliaccio, ha inviato al Presidente dell’ANCI, come rappresentante di tutti i sindaci d’Italia.

Le chiediamo di valutare con attenzione e senza pregiudizi le piccole proposte che contiene, di affrontare l’emergenza predisponendo tutte le misure di cui dispone per mitigare l’impatto negativo dell’inquinamento sui cittadini della cui salute è responsabile, e di attivarsi facendosi promotore di una forte presa di posizione di tutte le città del nord Italia nei confronti delle Amministrazioni Regionali e del Governo centrale perché vengano adottate quelle misure strutturali richieste dall’Europa e che potrebbero influire in modo sostanziale sul grave problema che ci coinvolge quotidianamente.

Ringrazio per l’attenzione.
Buon Lavoro

Claudio Pasero
FIAB Alessandria

 
 
______________________________________

Caro Sindaco Decaro,

scrivo a te perché, in qualità di presidente ANCI, sei un po’ il sindaco di tutti.

Ti scrivo perché il tema della cosiddetta “emergenza smog” è ormai diventato persino stucchevole nella sua sistematicità e i titoli roboanti dei giornali, a suon di cifre di morti e malattie causate dallo smog, non fanno più notizia: è l’effetto assuefazione che abbiamo di fronte ad ogni notizia ripetuta come un mantra.

Ti scrivo perché già lo sappiamo che alla prima pioggia tutti i sindaci tireranno un sospiro di sollievo per non dover prendere provvedimenti drastici e impopolari, il tutto fino alla prossima “emergenza”.

Ti scrivo perché, in qualità di presidente di tutti i sindaci d’Italia, tu ti faccia promotore con i tuoi colleghi sindaci di una serie di iniziative da attuare subito, non fra qualche mese.

1) - il divieto di transito/parcheggio auto davanti alle scuole. Sappiamo anche da una recente indagine fatta a Roma che le aree intorno alle scuole diventano delle piccole camere a gas che i nostri bambini/ragazzi respirano durante la loro permanenza a scuola. Riteniamo che la salute dei nostri figli valga anche il piccolo sacrificio (se di sacrificio vogliamo parlare) di lasciare l’auto a qualche decina di metri per poi fare a piedi l’ultimo tratto di strada;

2) - tornare a proporre le domeniche ecologiche in maniera continuativa: è il modo migliore per imparare, poco alla volta, ad organizzare i propri spostamenti senza l’auto. Si comincia con la domenica e poi magari si scopre che può diventare una sana abitudine anche gli altri giorni della settimana;

3) - promuovere l’uso della bicicletta e dei mezzi pubblici attraverso l’attivazione di incentivi vari (es. bonus acquisto biciclette, facilitazioni di parcheggi protetti negli uffici, abbonamenti famiglia per i mezzi pubblici, gratuità di navette da parcheggi esterni la città, ecc.);

4) - un appello forte di ANCI perché venga approvata dal Governo la Legge Quadro sulla Ciclabilità che darebbe ai Sindaci gli strumenti necessari per meglio lavorare sulla promozione della mobilità ciclistica che è uno degli elementi forti di una vera politica per la mobilità sostenibile nelle nostre città.

Sappiamo che c’è necessità di interventi coordinati ed investimenti nazionali sui temi della mobilità ciclistica e trasporto pubblico, ma nel frattempo questi semplici provvedimenti possono essere un piccolo passaggio per dare qualche sollievo alle città e abituare i cittadini a nuovi modelli di mobilità, come quello di tornare ad accompagnare a piedi i bambini a scuola o fare shopping nella propria città ma lasciando l’auto in parcheggi esterni.

Il tutto, però, mentre l’amministrazione locale lavora sugli altri interventi (dal contenimento dei consumi nelle nostre case, alla riorganizzazione della mobilità di persone e merci in termini di sostenibilità) che hanno bisogno di tempi più lunghi e risorse importanti.

Il mezzo di trasporto bicicletta nelle città è quello che, con investimenti contenuti, può dare risposte in tempi brevissimi alle necessità di spostamento quotidiano casa-lavoro e casa-scuola: lo si affronti con determinazione e investimenti da subito. FIAB è a disposizione di tutti quei comuni che hanno bisogno di supporto per promuovere l’uso della bicicletta nelle loro città, perché gli investimenti vanno accompagnati da un processo comunicativo che faccia comprendere che #labiciclettafunziona, come recita la nostra ultima campagna di tesseramento 2018.

Grazie per l’attenzione. Buon lavoro!

Giulietta Pagliaccio

Presidente FIAB Onlus

Milano, 23 ottobre 2017

page1image29656
 

 

 

Torna indietro